MATRIMONIO CON DELITTO di JESSICA FLETCHER & JON LAND

MATRIMONIO CON DELITTO è un libro perfetto da leggere sotto l’ombrellone. Per chi adora la signora Fletcher e vuole rilassarsi con un buon giallo. Vi racconto perché mi è piaciuto

MATRIMONIO CON DELITTO

JESSICA FLETCHER & JON LAND

Prima Pubblicazione : 2020

Traduzione  Barbara Murgia

Prima edizione italiana : 2020

Editore: Sperling & Kupfer

Pagine : 320 p.

Genere: giallo, mystery

MATRIMONIO CON DELITTO : IL LIBRO (dal sito dell’editore)    

JESSICA FLETCHER AFFRONTA UN MISTERO IN STILE AGATHA CHRISTIE: UN ALBERGO NELLA TORMENTA, DODICI SCONOSCIUTI INTRAPPOLATI, UN ASSASSINO IN MEZZO A LORO.

Mentre la sua amata casa viene ristrutturata a seguito di un grave incendio nel quale ha quasi rischiato di perdere la vita, Jessica Fletcher alloggia all’hotel Hill House, che per il fine settimana ospita anche una dozzina di persone lì riunite per un matrimonio. Tra le famiglie dei fidanzati non corre buon sangue: i rapporti si sono incrinati definitivamente quando il padre dello sposo, Heath Mulroy, suicidatosi qualche mese prima per sfuggire all’arresto, ha frodato tra i suoi clienti anche il padre della sposa, lo scorbutico Doyle Castavette.

La tensione tra i Montecchi e i Capuleti del Maine è palpabile e non mancano frecciatine acide e sguardi di disapprovazione. A complicare la situazione, per un cattivo scherzo del destino, finiscono per ritrovarsi tutti prigionieri nell’albergo a causa di una bufera. Gli ospiti di Hill House, però, hanno cose ben più gravi di cui preoccuparsi rispetto alle pessime condizioni meteorologiche, perché un assassino si è presentato senza invito alla festa e ha promesso di ucciderli uno dopo l’altro…

Jessica Fletcher dovrà sfoderare le sue capacità investigative per ricomporre i pezzi di questo mistero che di ora in ora si infittisce sempre più – come la neve che va accumulandosi all’esterno – e che la vedrà in pericolo in prima persona.

MATRIMONIO CON DELITTO : breve riassunto e commento personale

A Cabot Cove Seth Hazlitt prevede una bufera storica mentre lo sceriffo Mort Metzger dubita che il medico abbia ragione… Ma una chiamata interrompe la discussione:

«C’è bisogno di lei alla vecchia fabbrica tessile, poco fuori dalla Route 1. C’è un veicolo abbandonato. Mi ha appena chiamato il vicesceriffo Jenks…. C’è un cadavere al suo interno»

Nel parcheggio della Cabot Manufacturing Company una berlina abbandonata e per Metzger è subito chiaro che non si tratti di morte naturale: avvelenamento da monossido di carbonio… A Jessica basta un’occhiata per capire che l’uomo non si è affatto suicidato ma è stato ucciso:

«Residui di una specie di nastro adesivo … qualcuno ha incollato questo poveretto al sedile e l’ha lasciato morire con il motore acceso»

l’uomo era un investigatore privato di Boston, Loomis Winslow. Che cosa ci faceva nella fabbrica abbandonata? Per saperne di più, Jessica contatta il suo amico investigatore newyorkese, l’investigatore privato Harry McGraw. All’uomo basta sentire la voce di Jessica per intuire che c’è di mezzo un cadavere:

«Suona il telefono e il mio primo pensiero è ‘chi è morto a Cabot Cove?’»

E naturalmente Harry non si tira indietro e promette a Jessica che raccoglierà le informazioni richieste.

Intanto la bufera inizia ad aumentare d’intensità e lo sceriffo e i suoi uomini hanno altro di cui occuparsi che del povero Loomis :

Normalmente gli abitanti del Maine rispondono alle bufere di neve con un’alzata di spalle, spazzandole vie come un moscerino. Ma ogni tanto arriva quel tipo di bufera davanti alla quale non si può alzare le spalle, e quella prevista era annunciata come il vero uragano del secolo.

Nel corso della riunione indetta dal sindaco per coordinare le varie unità, Metzger riceve una nuova chiamata. E Jessica decide di seguirlo anche questa volta: un altro veicolo abbandonato da ispezionare. Stavolta si tratta di una Lexus SUV di lusso, parcheggiata lungo il ciglio della strada ed entrambe le portiere anteriori spalancate. Niente cadaveri ma lo stesso ghiaietto notato alla fabbrica abbandonata:

fissavamo entrambi gli schizzi di ghiaia, presenti solo dalla parte del passeggero dietro, che sembravano identici a quella ritrovata sotto le scarpe di Loomis.

Secondo Jessica:

«Qualcuno che è stato alla vecchia Cabot Manufacturing Company viaggiava sul sedile posteriore»

Ma che ne è stato degli occupanti dell’auto?

«Cosa ha spinto due persone a scappare dalla macchina nella bufera senza neanche prendersi la briga di chiudere la portiera?

Certo le loro speranze di sopravvivere in mezzo alla tempesta sono davvero minime… Ma Metzger non può fare molto per questi sconosciuti. Intanto Harry ha scoperto che Loomis si occupava di illeciti di varia natura, in particolare finanziari.

Intanto sbuca un testimone dell’omicidio di Loomis. Si tratta di Hank Weathers, veterano di guerra ormai datosi all’alcol. L’uomo dice di aver visto «L’abominevole uomo delle nevi»…

Al suo ritorno in albergo, Jessica trova una signora ad attendere nella hall, che le chiede di autografarle un suo libro.

Jessica ricorda che Hill House era tutto prenotato per un matrimonio che avrebbe dovuto tenersi sabato al Cabot Cove Country Club.

La donna è Constance Mulroy e i futuri sposi sono suo figlio Daniel e la sua futura sposa, Allison. La donna stava aspettando il loro arrivo e Jessica ha un atroce sospetto…

Intanto però decide di aiutare la donna a organizzare la cena di prova. E il direttore/co-proprietario dell’albergo, Seamus McGilray, sarà felice di dare il suo contributo. Intanto abbiamo modo di conoscere anche gli altri invitati. Il padre della sposa Doyle Castavette, è un arrogante pieno di sé che non si fa scrupolo a mettere in piazza i fatti suoi.

Così Constance è costretta a spiegare a Jessica che suo marito Heath ha derubato gli investitori di milioni di dollari:

«Era colpevole e non ha avuto il coraggio di affrontare le accuse. Ha preferito gettarsi dal ponte di Brooklyn, lasciando la sua famiglia – i gemelli e io – a rimediare al disastro.»

Infatti Daniel ha un gemello, Mark.  Spassose le gemelle Olivia e Beatrice Sprague e facciamo anche la conoscenza di Henley Lavarnay, la ex moglie di Doyle Castavette

Dopo le recenti scoperte, Jessica inizia a pensare che Winslow fosse sulle tracce di qualcosa collegata allo scandalo finanziario che aveva coinvolto il marito di Constance Mulroy…Ma di gente equivoca ne gira diversa per l’albergo. Tyler Castavette, per esempio, ha provato ad introdursi nella suite di Jessica!

E non ha certo una bella fama…

Intanto Constance fa una strana domanda a Jessica:

«Dimmi, Jessica, hai mai risolto un delitto in anticipo, prima che si verificasse?»

Troppo tardi capirà che cosa stesse cercando di dirle la donna… Qualcuno infatti prova ad avvelenarla. Ma per fortuna si salva. Non c’è tempo di gioire : infatti ci vuole poco perché ci scappi un morto vero…

Sempre più spaventati, gli ospiti non sanno che cosa pensare… E un messaggio sui loro telefoni li terrorizza: qualcuno vuole eliminarli tutti!

Metzger non può arrivare se la bufera non si calma e Jessica inizia ad indagare con Seamus… che si rivela un poliziotto davvero in gamba. Ma i morti continuano ad accumularsi come la neve all’esterno ed ogni delitto è più impossibile del precedente!

Riuscirà Jessica a risolvere il mistero e a salvarsi la vita???

Uno dei libri più belli della serie, con tantissimi colpi di scena e la natura impietosa a farla da padrone. Certo non un capolavoro, ma si fa leggere e ci regala qualche ora di relax!

VOTO : 7 /10

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!