Crea sito

TRONCHETTO DI NATALE. In Piemonte si festeggia con il ceppo

TRONCHETTO DI NATALE. Dal tradizionale “CIOCCO”  per il falò natalizio, un dolce stupefacente per il Natale piemontese

Nato dall’antica tradizione del Ceppo di Natale, che caratterizza numerose culture dei Paesi europei, il Tronchetto di Natale piemontese è una vera gioia per le papille gustative che riunisce, in un’unica ricetta, sapori deliziosi come quello del cioccolato, dei marroni, della panna e del brandy.

TRONCHETTO DI NATALE. LA TRADIZIONE 

Questo dolce, non proprio semplice da realizzare, si ispira all’usanza, durante la notte di Natale, di bruciare nel camino un grosso ceppo, simbolo di buon auspicio.

Secondo la tradizione, bisogna far bruciare un ciocco di legno nel camino a partire dalla notte di Natale e per le 12 notti successive sino all’Epifania.

I 12 giorni simboleggiavano i 12 mesi del nuovo anno per il quale il rituale, avrebbe portato fortuna e prosperità.

TRONCHETTO DI NATALE. CHE COS’È

Si tratta di un soffice rotolo, realizzato con un impasto a base di uova, farina, fecola, lievito, burro e zucchero, farcito e ricoperto con una crema ricchissima (con marroni, mascarpone, cacao, brandy e panna montata). Per creare l’effetto della corteccia si incide la crema di copertura con i rebbi di una forchetta.

Per rendere ancora più realistico il Tronchetto, oltre ad inciderlo con la forchetta, si possono affiancare due pezzi di dolce creando l’effetto del tronco ramificato.

LE ORIGINI DEL DOLCE

Il Tronchetto di Natale sarebbe nato nel nord Europa dove era preparato sin dal Medioevo. Avrebbe poi raggiunto le Alpi Francesi e, infine, il Piemonte.Il dolce piemontese sarebbe un parente molto prossimo del cosiddetto “Buche de Noel”, il dolce preparato nei Paesi francofoni in memoria dell’antica tradizione del Ceppo di Natale.

Tronchetto di Natale. La ricetta:

Ingredienti: 

  • Farina 125 g
  • Fecola di patate 70 g
  • Zucchero 125 g
  • Lievito per dolci 1 bustina
  • Cacao 50 g
  • Uova 4
  • Burro 180 g
  • Mascarpone 300 g
  • Crema di marroni 200 g
  • 2 bicchierini di brandy (facoltativo)
  • Zucchero a velo 200 g
  • Panna 100 ml
  • Cioccolato fondente 100 g
  • 4 marron glacé.

PREPARAZIONE

FASE 1: PREPARARE LA BASE

  • Lavorate 4 tuorli con lo zucchero ed il burro fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso.
  • Setacciate la farina con la fecola ed il lievito nel composto, ottenendo un composto omogeneo
  • Montate gli albumi a neve ed incorporateli delicatamente mescolando dal basso verso l’alto.
  • stendete l’impasto su una teglia rivestita di carta forno e cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti, fin quando la superficie non risulti dorata.
  • Sfornate l’impasto e spolveratelo in superficie con dello zucchero semolato, poi ricopritelo con la pellicola e lasciatelo freddare.

FASE 2: PREPARARE LA CREMA

  • Lavorate in una ciotola il mascarpone con il liquore, due tuorli d’uovo, il cacao e la crema di marroni.
  • A parte, montate la panna e poi incorporatela delicatamente alla crema ottenuta.

fase 3: farcire il tronchetto

  • Spalmate una parte della crema sulla base ormai fredda, dopo aver rimosso la pellicola, lasciando un paio di centimetri di spazio vuoto da ogni bordo
  • Cominciate ad arrotolare delicatamente staccando la carta forno e compiendo una leggera pressione in modo che la crema concentrata sulla parte centrale si distribuisca anche ai lati del rotolo.
  • Dividete, quindi, il dolce in due parti, non necessariamente uguali, con un taglio trasversale poi affiancate il bordo tagliato in diagonale di una delle due parti al centro dell’altro pezzo del rotolo.
  • Tagliate anche due fettine dalle altre due estremità per rendere regolare la forma dei bordi.
  • Ricoprite il tronchetto con la crema rimasta creando delle striature ondulate con i rebbi della forchetta a simulare la superficie della corteccia, poi cospargete con marron glacé e cioccolato fondente ridotti in scaglie.

Spero di riuscire a preparare questo rotolo prima di Natale!

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!