Crea sito

TORTA COCCO, TAHINA E SEMI DI PAPAVERO. La torta di semolino per la Grande Quaresima ortodossa

TORTA COCCO, TAHINA E SEMI DI PAPAVERO. Una dolce tentazione anche per la Quaresima ortodossa

Come abbiamo già visto (vedi QUI), la Chiesa Greco – Ortodossa ha regole per la Quaresima ben più rigide di quelle imposte ai Cattolici. Infatti nel periodo della Grande Quaresima, che dura 7 settimane (48 giorni!), che dura 7 settimane), molti fedeli decidono di non mangiare carne, uova, latticini e di rinunciare all’alcol. Alcuni scelgono anche di seguire quella che viene chiamata Quaresima nera, che prevede un digiuno assoluto, senza cibo né acqua, da giovedì santo fino a sabato notte, dopo la messa di resurrezione!

Questa torta (che ho trovato su Panelibrienuvole) trae ispirazione dalla classica tachinopita, la torta di tahini tipica dell’Asia Minore che si consuma nel periodo di Quaresima.

Amando il cocco, la trovo deliziosa e semplicissima da preparare. Peccato il riposo in frigo.

Vi posto la ricetta come la consiglia il sito, che prevede latte di cocco low fat (quello da bere), il burro e le uova.

LA MIA VERSIONE VELOCE:

Io l’ho modificata per renderla conforme ai dettami della Quaresima ortodossa ed ho fatto molto prima. Ho però usato il latte di cocco in lattina, più grasso (infatti io lo chiamo panna di cocco), e 200 ml di acqua. Ho mescolato tutti gli ingredienti secchi, poi ho aggiunto il latte di cocco e l’acqua, oltre alla tahina, ed ho amalgamato gli ingredienti.Ho versato il composto nello stampo ed infornato per 40 minuti a 175°C

TORTA COCCO, TAHINA E SEMI DI PAPAVERO: la tahina

Vi ricordo (vedi QUI) che la tahina è la classica crema di sesamo, molto simile al burro di arachidi, che si trova in commercio ma potete preparare tranquillamente da soli.

⇒ Preparare la Tahini : vedi QUI

TORTA COCCO, TAHINA E SEMI DI PAPAVERO: la ricetta

  • Porzioni: 8-10
  • Preparazione: 15 minuti + 4 ore di riposo
  • Cottura: 50 minuti

Ingredienti

  • Semolino 400 g
  • Cocco disidratato in scaglie (io ho usato farina di cocco) 80 g
  • Latte di cocco 420 ml (una lattina)
  • Burro a temperatura ambiente 80 g (Io non ne ho messo)
  • Zucchero semolato 120 g (la ricetta originale ne consiglia 180 g: troppo dolce. Io ho usato 50 g di Stevia naturale, che ha reso la torta verde)
  • Uova 3 (io non le ho usate ed ho aumentato la dose di salsa tahini a 150 g)
  • Tahina 1 cucchiaio raso (vedi QUI per prepararla). Io ne ho usati 150 g
  • Semi di sesamo 1 cucchiaio
  • Lievito in polvere  1 bustina
  • Sale 1 pizzico
  • Semi di papavero 1 cucchiaio

PREPARAZIONE

FASE 1 : preparare La parte umida

  • Se usate il burro : Lavorate il burro e lo zucchero con un cucchiaio di legno fino. Quando il composto è morbido e cremoso, amalgamate bene la tahina e poi unite le uova una alla volta, facendole assorbire (potete anche mescolare il tutto con il robot, ma usando la spatola e non le lame).
  • Se non usate il burro : con le fruste elettriche, montate le uova con lo zucchero, finché non otterrete un composto soffice e gonfio. Aggiungete la salsa tahini ed amalgamatela delicatamente, sempre lavorando con le fruste.

FASE 2 : preparare l’impasto

  • In una ciotola capiente, mescolate il semolino, il cocco, i semi di sesamo, il sale e il lievito

 

  • Unite metà del composto secco a quello umido (con o senza burro) e aggiungete il latte di cocco.

  • Amalgamate gli ingredienti, mescolando con una frusta.
  • Quando la prima metà sarà stata incorporata, aggiungete i restanti ingredienti secchi e mescolate bene.

FASE 3: Cuocere

  • Versate il composto in uno stampo a cerniera precedentemente imburrato (diametro 22 – 24 cm), coprite con pellicola a contatto e mettete in frigo per almeno 4 ore, meglio se per tutta la notte.

  • L’impasto sarà molto liquido ma non vi preoccupate, si solidificherà con il passare delle ore. Se il vostro stampo non tiene bene e dovesse fuoriuscire un po’ di liquido, mettetevi sotto dell’alluminio e abbiate fede.

FASE 4: CUOCERE

  • Trascorso il tempo di riposo, cospargete la superficie con i semi di papavero.

  • cuocete in forno preriscaldato a 175°C per 50 minuti circa.


LA TAHINA: VALORI NUTRIZIONALI (Da Wikipedia)

Questa crema di sesamo è ricca di vitamine del gruppo B e di vitamina E, oltre che di numerosi sali minerali, tra cui calcio, magnesio, silicio, fosforo, zinco e ferro.

Questo la rende indicata nei casi di esaurimento o durante le convalescenze. I semi di sesamo contengono inoltre due sostanze, la sesamina e la sesamolina, che hanno dimostrato di avere un ruolo attivo nell’abbassare il tasso di colesterolo, prevenendo le patologie cardiocircolatorie. La sesamina, inoltre, protegge il fegato dai danni derivanti da ossidazione.

Va comunque usato con moderazione poiché è molto calorico: 100 g di ṭaḥīna apportano circa 600 calorie, ma va valutata la quantità di olio aggiunto alla farina di sesamo, che può alzare il computo delle calorie finali.

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!