Crea sito

PETTO DI POLLO ALL’UVA

PETTO DI POLLO ALL’UVA

Una ricetta che noi amiamo molto e che prepariamo spesso, con pollo, tacchino o salsicce. La preferita del Maritozzo è la versione con le salsicce. Vi propongo però la mia preferita, con il petto di pollo, che trovo più delicato e meno in contrasto con il sapore dolce dell’uva!

Potete usare uva bianca, nera o rosata, fresca ma anche sciroppata. Io la preparo spesso con la mia “uva sottaceto“!

Abbinata ad un’insalata, questa ricetta è un fantastico piatto unico, che vi strapperà tanti sorrisi. E allora bando alle ciance e mettiamoci AL LAVORO!

PETTO DI POLLO ALL’UVA. La ricetta per 4 persone

  • DIFFICOLTÀ : bassa
  • PREPARAZIONE : 10 minuti
  • COTTURA : 10 minuti
  • COSTO : basso
  • RIPOSO : 30 minuti

INGREDIENTI

PREPARAZIONE

  • Tagliate il petto di pollo a fette piuttosto spesse, eliminando ossicini e cartilagini.

  • Mettetelo in una teglia e copritelo con il Marsala o con un altro vino liquoroso (io ho osato “sprecare” del Vin Santo per questa ricetta!).
  • Lasciatelo marinare per 30 minuti.
  • Intanto che il pollo riposa, lessate i fagiolini in acqua bollente salata (io uso quelli congelati, seguendo le istruzioni riportate sulla confezione) e dividete gli acini di uva a metà.
  • Trascorso il tempo di marinatura, scolate il pollo e TENETE DA PARTE il vino, che vi servirà ancora.
  • In una capace padella fate scaldare un filo di olio con lo spicchio d’aglio.
  • Appena l’aglio sarà dorato, aggiungete i petti di pollo e fateli rosolare un paio di minuti per lato.
  • Salate quindi il pollo, bagnate con il Marsala e proseguite la cottura per 2-3 minuti
  • Aggiungete i chicchi d’uva con i fagiolini e fate amalgamare i sapori ancora per 2 minuti.
  • Spegnete e servite, accompagnando con il fondo di cottura!

PETTO DI POLLO ALL’UVA: il petto di pollo

Come sappiamo, il petto di pollo è una carne bianca, poco grassa e facilmente digeribile, tanto che i nutrizionisti la consigliano a chi è a dieta ma anche ad anziani e bambini!

Non trascuriamo poi che è anche molto economica!

Il pollo è una gallina giovane che ha al massimo 6 mesi.

Ricordate che è sempre meglio comprare UN PETTO INTERO e poi farlo affettare dal vostro macellaio! Costa meno delle fettine già tagliate ed è anche più versatile.

Potrete infatti usarlo per farne uno spezzatino, una tagliata, spiedini, polpette e anche fettine!

Scegliete un petto di pollo con un bel colore rosato e linee di grasso quasi assenti. Se presenti, devono avere un colore giallo chiaro.

Altamente proteico, povero di grassi e praticamente privo di carboidrati, è l’alimento “prediletto” di chi sta seguendo un regime dimagrante o di chi è un “cultore del corpo” e sta modellando il proprio corpo.

Possiamo cucinarlo in mille modi diversi : alla piastra, in padella (con o senza olio), alla brace, al forno, bollito, al vapore …

RICORDA : Per questioni igieniche, non è consigliato consumare il pollo crudo o poco cotto!

Grazie al petto di pollo, possiamo trasformare velocemente un primo piatto in un piatto unico, aggiungendolo a panini o primi piatti.

Come direbbero i nutrizionisti, infatti:

il petto di pollo aumenta l’apporto proteico e compensa efficacemente il valore proteico dei cereali, carenti di alcuni amminoacidi essenziali, senza incidere significativamente sul bilancio dei grassi o sul quantitativo di colesterolo.

Ma il petto di pollo non fornisce solo proteine. Esso apporta anche numerose vitamine del gruppo B e sali minerali, in particolare ferro, fosforo e zinco

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!