Crea sito

Minestra o zuppa della Vedova. La Soppa ta’ l-armla di Malta

Minestra o zuppa della vedova. Una zuppa (o minestra se aggiungete della pasta) antica e gustosa

Conoscevo questa minestra, che si prepara un po’ in tutta Italia con pochi ingredienti poveri, che si possono trovare in qualsiasi cucina, anche in quella di una vedova, considerata un tempo tra le persone più povere, non avendo chi provvedesse a lei.

Minestra o zuppa della Vedova. Le origini del piatto maltese

Ho invece scoperto che c’è un altro motivo per cui, a Malta, la zuppa ha questo nome.

Infatti questa zuppa veniva portata dalle vicine alle “vedove del mare”, per confortarle e rincuorarle.

Come tutti i piatti tradizionali non c’è una ricetta vera e propria, ma ogni famiglia (maltese o italiana) ha la sua. Fondamentalmente, possiamo dire che si tratta di una zuppa piuttosto densa, preparata con ingredienti poveri: verdure, uova e ricotta.

A volte viene arricchita con un formaggio fresco tipico maltese, il Gbejniet.

Potete trasformare la zuppa in un gustoso piatto unico con l’aggiunta di pasta o di riso.

Vi posto due versioni, che ho sperimentato nel corso degli anni. La seconda è quella che abbiamo assaggiato a Malta qualche anno fa!

Zuppa della Vedova. Soppa ta’ l-armla. La ricetta per 4 (vedi QUI)

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione : 10 minuti
  • Cottura: 60 minuti

Ingredienti

  • Cipolla 1
  • Zucchine 3 -4
  • Carote 1 -2
  • Funghi champignon 200 g
  • Prezzemolo tritato q.b.
  • Fagioli  precotti  200 g
  • Polpa di pomodoro (oppure pelati) 200 g
  • Concentrato di pomodoro 1 – 2 cucchiai
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Curcuma q.b.
  • Zenzero q.b.
  • Sale, Pepe q.b.
  • Ricotta 250 g (se trovate le ricottine, usatene 4 e non mettete le uova)
  • Uova 4

Preparazione

  • Tagliate le verdure a tocchetti non troppo piccoli, mondate i funghi e tagliateli a fettine.
  • In un casseruola capace fate appassire la cipolla in poco olio extravergine.
  • Aggiungete quindi la curcuma e un pezzetto di zenzero.
  • Unite le verdure, cominciando con le carote.
  • Lasciatele cuocere per una decina di minuti e poi aggiungete le zucchine e i funghi.
  • Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco basso per 10 -15  minuti.
  • Aggiungete quindi la polpa di pomodoro (o i pelati tagliati),  il concentrato di pomodoro, i fagioli e il prezzemolo.
  • Mescolate con un cucchiaio di legno, aggiungete circa 300 ml di acqua calda (oppure di brodo), salate e coprite nuovamente la casseruola.
  • Lasciate sobbollire a fuoco basso per 35 – 40 minuti, facendo attenzione che la zuppa non si attacchi al fondo della pentola. Eventualmente, aggiungete altra acqua, facendo attenzione a non renderla troppo “brodosa”.
  • Dieci minuti prima del completamento della cottura, aggiungete la ricotta divisa in quattro parte (oppure le ricottine).
  • Con il dorso di un cucchiaio, create tra le verdure lo spazio per cuocere le uova.
  • Sgusciate le uova e aggiungetele alla zuppa. Coprite ancora e completate la cottura.
  • Servite  in terrine individuali, mettendo in ciascun piatto un uovo e un pezzetto di ricotta.
  • Completate il piatto con una macinata di pepe nero. Potete accompagnare con fette di pane (abbrustolito o meno).

ZUPPA DELLA VEDOVA. La versione invernale

INGREDIENTI

  • Cavolfiore 450 g
  • Zucca gialla pulita 300 g
  • Patate 300 g
  • Cipolle 2
  • Pelati (oppure polpa di pomodoro) 250 g
  • Passata di pomodoro (facoltativa) 100 ml
  • Ricotta 250 g
  • Gbejniet 150 g (io aggiungo i piccoli caprini o la feta)
  • Uova 4
  • Olio extra vergine  di oliva q.b.
  • Pepe
  • Sale

PREPARAZIONE

  • Private il cavolfiore del torsolo, separando le cimette, risciacquate e mettete dentro uno scolapasta.
  • Sbucciate, tagliate le patate a pezzi grossi e tenetele a mollo in acqua.
  • Tagliate anche la zucca a cubetti non troppo piccoli.
  • Affettate la cipolla a rondelle sottili e fatela imbiondire a fuoco dolce in poco olio.
  • Unite i pelati tagliati e fate cuocere a fuoco basso per 2 -3  minuti.
  • Aggiungete la passata di pomodoro e fate cuocere ancora 3 -4 minuti
  • Nel frattempo, mettete sul fuoco un tegame (possibilmente di terracotta) con un litro d’acqua e portate ad ebollizione.
  • Appena arriva a bollore, tuffatevi le verdure e fatele cuocere per 15 minuti.
  • Trascorso questo tempo, aggiungete alle verdure il sughetto con pelati e cipolle nel tegame e fate cuocere ancora per una ventina di minuti.
  • Unite quindi la ricotta e, appena la zuppa riprende a bollire, rompete le uova e versatele nel tegame, facendo attenzione a non farle rompere.
  • Ultimate la cottura in altri cinque minuti e servite sistemando un uovo in ogni piatto assieme ad un pezzetto di gbejniet.

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!