Crea sito

GNOCCHI DI MELANZANE E PATATE con Cozze e Zucchine

Avete preparato tanti gnocchi di melanzane? Provateli con questa salsa veloce a base di zucchine e cozze.

Per gli gnocchi di melanzane, cliccate QUI

Tra l’altro, è buonissima anche con i tradizionali gnocchi di patate!

Per le zucchine vi rimando alla loro scheda (QUI)

Per le cozze, in attesa della scheda specifica, ho aggiunto delle note a fondo pagina

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 400 g Zucchine (circa due zucchine di media grandezza)
  • 1 kg gnocchi (già pronti)
  • 1 cipolla
  • 1 Peperoncino (facoltativo)
  • 1 cucchiaino Sale grosso
  • 1 spicchio Aglio (facoltativo)
  • 1 cucchiaio Basilico tritato
  • 1 cucchiaio timo tritato
  • 400 g Cozze sgusciate congelate
  • 2 cucchiai PArmigiano Grattugiato (facoltativo)

Preparazione

  1. In una grossa pentola mettete a bollire acqua salata per la cottura degli gnocchi

  2. FASE 1: PREPARARE IL CONDIMENTO

    Mentre l’acqua arriva ad ebollizione, preparate la salsa di accompagnamento

    • Con una grattugia, tritate la cipolla direttamente in una grossa padella
    • Unite l’aglio schiacciato
    • Grattugiate anche le zucchine
    • Salate con un cucchiaino di sale grosso, aggiungete un mestolo di acqua tiepida e fate cuocere tre – quattro minuti
    • Unite quindi le cozze e completate la cottura
  3. FASE 2: CONDIRE GLI GNOCCHI

    • Appena gli gnocchi affiorano in superficie, scolateli con uno scolapasta ed uniteli alla salsa
    • Mantecate velocemente a fuoco basso, spolverate con le erbe aromatiche e poi servite.
    • Se vi piace, aggiungete del parmigiano grattugiato

Note

Cozze e vongole, alimenti di serie B?

Il quadro nutrizionale di cozze e vongole è interessante. Sono alimenti altamente idratati, l’acqua rappresenta l’83% del prodotto fresco, con una buona percentuale di proteine, pari all’11% circa, e un contenuto in grassi relativamente basso, che si aggira intorno al 2%.

Le proteine sono di alta qualità.  Questi molluschi contengono infatti tutti gli amminoacidi essenziali. Vi troviamo poi acidi grassi della serie omega 3.

Hanno un contenuto significativo di colesterolo: 125 mg (su 100 g), più del doppio rispetto al pesce.

Abbondanti i sali minerali, in particolare potassio ferro e selenio.

Sia cozze che vongole sono fonte di vitamina B12 (antianemizzante) e vitamina E (antiossidante).

Per il loro contenuto in minerali e vitamine, sono quindi consigliati in caso di anemia sideropenica (da mancanza di ferro).

È nota l’abitudine di consumare questi molluschi crudi, specie le cozze, in parte per tradizione, in parte per la convinzione di consumare un prodotto più valido. In questo caso, di fatto, le proprietà nutrizionali rimarrebbero inalterate, in particolare gli acidi grassi omega 3 e la vitamina E, poiché entrambe le sostanze sono deteriorabili con la cottura. Tuttavia, va anche considerato che il mollusco crudo rimane difficilmente masticabile e in parte indigesto, con potenziale malassorbimento intestinale. La cottura, invece, modifica positivamente la digeribilità rendendo i nutrienti più assimilabili. I trattamenti termici, inoltre, abbattono la maggior parte della carica microbica, risanando l’alimento. Una cottura ben condotta, in cui i molluschi non vengono eccessivamente sfruttati genera, dunque, un prodotto di qualità ma soprattutto un prodotto sicuro.

Il contenuto di colesterolo non ne giustifica l’eliminazione dalla dieta in persone che hanno un quadro lipidico regolare e talvolta anche negli ipercolesterolemici è sufficiente solamente un ridimensionamento del consumo di questi molluschi. Ricordiamo che il colesterolo è un grasso utile per il corretto funzionamento delle membrane cellulari e per il buon funzionamento del sistema nervoso, solo per citarne il ruoli principali.

 

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *