Crea sito

Gnocchi di patate e fonduta

Gnocchi di patate e fonduta: peccati di gola

Siamo seri: davvero preferireste una torta a questo piatto???

Non c’è niente di meglio che intingere dei sofficissimi gnocchi in una crema di formaggio…

Di “fondute” ne esistono infinite versioni, ma una delle mie preferite è questa, che abbina taleggio e fontina, due dei formaggi italiani più buoni in assoluto.

Nel corso dell’inverno vedrete spesso riproposta la fonduta, che a casa Ignorante risolve parecchie cene davanti al camino…

Per quanto riguarda gli gnocchi, stavolta ho fatto la pigra ed ho usato quelli pronti, acquistati nello storico negozio di pasta all’uovo del Paesello. Se invece volete prepararli voi, cliccate QUI e calcolate il tempo per prepararli…circa due ore è la mia media, tra la cottura delle patate e tutto il resto

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 Persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 1 kg Gnocchi di patate
  • 400 ml Latte
  • 20 g Burro
  • 20 g Farina
  • 50 g Taleggio
  • 50 g Fontina
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe
  • 1 rametto Rosmarino
  • 2 cucchiai PArmigiano Grattugiato
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d'oliva (oppure burro)

Preparazione

  1. FASE 1: PREPARARE GLI INGREDIENTI

    • Tagliate a dadini i formaggi scelti
    • Tritate gli aghi di rosmarino
  2. FASE 2: PREPARARE IL ROUX 

    • Sciogliete in un pentolino il burro ed aggiungete la farina (io ho usato il microonde)
    • Incorporate la farina nel burro con una frusta
  3. FASE 3: CUOCERE GLI GNOCCHI

    • Mettete a bollire in una capace pentola abbondante acqua salata per la cottura degli gnocchi
    • Non appena arriva ad ebollizione, cuocervi gli gnocchi e scolarli appena salgono a galla
  4. FASE 4: PREPARARE LA FONDUTA

    Mentre l’acqua per la cottura degli gnocchi arriva ad ebollizione, preparate la fonduta

    • In un pentolino, mettete a scaldare il latte, senza portarlo a ebollizione.
    • Aggiungete il rosmarino tritato
    • Mescolando con una frusta, aggiungete i dadini di formaggio nel latte caldo e fateli sciogliere
    • unite anche il parmigiano grattugiato
    • Sempre mescolando con la frusta, stemperate il roux nel latte.
    • Fate bollire per due minuti
    • Spegnete e aggiustate di sale e pepe
  5. FASE 5: COMPLETARE IL PIATTO

    • Condite gli gnocchi cotti con un filo di olio o di burro per evitare che si attacchino
    • Mettete una porzione di gnocchi in ogni piatto e condite con la fonduta ben calda
    • BUON APPETITO

Note

Gnocchi di patate e fonduta: LA FONDUTA. Cenni

Pellegrino Artusi la definì “cacimperio”. Ed aveva ragione. La fonduta rappresenta il dominio del formaggio a 360°!

Tipica della Svizzera, in Italia è molto apprezzata la classicissima Fonduta valdostana, che prevede l’uso del prezioso tartufo bianco.

Io l’ho scoperta in Valtellina, con pezzetti di polenta “vecchia”. Ne esiste anche una versione dolce, con frutta intinta nel cioccolato fuso, ma non mi piace troppo.

Mooolto meglio la classica a base di formaggio. Torneremo sull’argomento

Gnocchi di patate e fonduta: il roux, questo sconosciuto

Nel preparare la fonduta, abbiamo accennato al roux, una preparazione base della cucina. Si usa di solito per addensare salse, come ad esempio la besciamella.

Come detto, si tratta di un addensante a base di burro (o altri grassi, come olio o margarina) e farina (oppure amido di mais).

In base al tempo di cottura, e del colore che assume di conseguenza, possiamo avere un roux bianco, un roux biondo oppure un roux bruno. La proporzione è sempre la stessa: si usano la stessa quantità di burro e di farina (nel nostro caso 20 g e 20 g).

Questa volta, avendo unito gli ingredienti fuori dal fuoco, abbiamo creato un ROUX  A CRUDO, che si può persino conservare in frigorifero, coperto con pellicola trasparente, per diverso tempo. Una preziosa mano, quando le minestre o le zuppe sembrano troppo brodose!

Sull’argomento torneremo in futuro, quando parleremo di salse e salsine, per dare sapore ai nostri piatti.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *