Crea sito

FRULLATO MIRTILLI, BANANA E MELONE

Una variante sul tema frullati, per far mangiare frutta anche a chi non la sopporta.

Il frullato che vi propongo oggi unisce la freschezza del melone alle proprietà antiossidanti dei frutti rossi, che non mancano mai nel mio congelatore.

Raccogliete le more in questo periodo e mettetele nel freezer.. oltre che per frullati sfiziosi, sono ottime anche per preparare gustosi dolci veloci!
Del MELONE abbiamo parlato (vedi QUI). Per i mirtilli e le banane vi rimando a fondo ricetta, in attesa della scheda prodotto…

Se vi chiedete il perché di certi abbinamenti, ricordate che i colori di frutta e verdura indicano che cosa contengono (vedi QUI)

 

  • Preparazione: 2 Minuti
  • Cottura: – Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 1 persona
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 2 cucchiai Mirtilli
  • 2 fette di melone
  • Mezza Banana
  • 100 ml Latte (di qualsiasi tipo)
  • 100 ml Acqua
  • 1 cucchiaino Cannella in polvere (Facoltativo)

Preparazione

  1. nel bicchiere di un frullatore, mettete i mirtilli

  2. Aggiungete la banana e il melone a pezzetti

    Se vi piace, aggiungete anche un cucchiaino di cannella

  3. versate nel bicchiere del frullatore il latte e l’acqua

    Frullate per un minuto

  4. Gustate questo colorato frullato!

Note

I MIRTILLI

Ne esistono di neri, rossi e blu. Noi abbiamo usato il mirtillo nero,  quello più ricco di principi salutari.

Infatti contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l’acido citrico (che protegge le cellule) ma anche l’acido ossalico, l’idrocinnamico e il gamma-linolenico. L’acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto; l’acido idrocinnamico è molto efficace perché è in grado di neutralizzare le nitrosammine cancerogene (prodotte nell’apparato digerente a seguito dell’ingestione di nitrati, usati come conservanti in molti alimenti); l’acido gamma-linolenico invece è molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica.

Ma non è tutto: il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico (una vitamina molto importante per le varie numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura.

Le antocianine infine, presenti in grandi quantità, rafforzano il tessuto connettivo che sostiene i vasi sanguigni e ne migliorano l’elasticità ed il tono.

Riescono in tal modo a svolgere un’azione antiemorragica nonché contro i radicali liberi. Tutte questa sostanze poi favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica, migliorando la vista specialmente la sera, quando c’è poca luce.

Beh, io ho assunto tanto di quel mirtilene…

LE BANANE

Tra i frutti più consumati al mondo, le banane contengono circa il 75% di acqua, il 23% di carboidrati, l’1% di proteine, lo 0,3% di grassi, e il 2,6% di fibra alimentare (questi valori variano a seconda delle diverse coltivazioni di banane, del grado di maturazione e delle condizioni di crescita).

La polpa della banana, essendo ricca di vitamina A, vitamina B1, vitamina B2, vitamina C, vitamina PP e, seppur in misura minore, di vitamina E, di sali minerali (calcio, fosforo, ferro e potassio) e di carboidrati, ha proprietà nutrienti, ri-mineralizzanti e stimolanti per la pelle.

La banana contiene anche la vitamina B6, che favorisce il metabolismo delle proteine. È opinione comune che la banana sia un cibo particolarmente ricco di potassio, in realtà il contenuto medio di potassio della banana è di circa 350 mg per ogni 100 g di parte edibile, molto inferiore ad esempio ai 570 mg di una patata lessa o al forno.

PROPRIETÀ DELLE BANANE

  • Riducono il colesterolo: le banane contengono fitosteroli, delle molecole che legano il colesterolo all’interno del lume intestinale impedendone l’assorbimento e favorendone l’espulsione fecale. Sono dunque un toccasana per la propria salute.
  • Regolarizzano l’intestino: essendo ricche di fibre e di sali minerali, questi frutti aiutano a regolarizzare l’intestino. In caso di diarrea o di nausea sono infatti particolarmente consigliate.
  • Abbassano la pressione e proteggono il cuore: le banane sono ricche in potassio e povere in sodio ed è per questo che contribuiscono ad abbassare la pressione. Proteggono dunque dal rischio di infarto.
  • Diminuiscono il rischio di anemia: il ferro è essenziale per mantenere stabili i livelli d’energia del corpo e le banane ne contengono moltissimo. E’ proprio grazie a questo nutriente che riescono a combattere l’anemia.
  • Combattono la ritenzione idrica: favoriscono l’eliminazione dei liquidi in eccesso e combattono la sensazione di gonfiore grazie al potassio che aiuta l’organismo a bilanciare i liquidi presenti nel nostro corpo contrastando l’azione del sodio. Basta mangiarne due al giorno prima dei pasti per ridurre il gonfiore addominale in 60 giorni.
  • Bruciano i grassi: le banane contengono 12 mg di colina, una sostanza organica che accelera il processo di lipolisi, che degrada i lipidi presenti nel corpo. Riesce dunque a bruciare i grassi se associato a semi di soia, tacchino, fegato di vitello e tuorlo d’uovo.
  • Migliorano l’umore: le banane contengono vitamina B9 ed acido folico, due sostanze che aiutano la serotonina, l’ormone del buonumore, a raggiungere più velocemente il cervello. È proprio per questo che mangiarle migliora istantaneamente il proprio umore.
  • Riducono lo stress: le banane contengono anche il triptofano, un amminoacido capace di “curare” l’ansia e di ridurre l’insonnia. Il frutto, inoltre, favorisce il rilascio di norepinefrina o noreadrenalina, il neurotrasmettitore che regola la risposta allo stress.
  • Ricaricano le energie: al termine di un duro allenamento in palestra, mangiare una banana è l’ideale per ricaricarsi. Grazie al potassio, i muscoli riacquistano energia e possono rimettersi di nuovo in moto.
  • Potere saziante: le banane contengono il cosiddetto “amido resistente”, capace di resistere al processo di digestione. Dopo averne mangiata una ci si sente sazi e si riduce notevolmente la quantità di grassi consumati.
  • Aiutano stomaco e intestino: le banane sono consigliate anche per regolare la funzionalità dell’intestino, soprattutto per chi soffre di stitichezza. La pectina infatti, aiuta la digestione e stimola il tratto intestinale troppo lento. Inoltre aiutano a prevenire l’ulcera gastrica e proteggono la mucosa intestinale

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *