Crea sito

CARCIOFI ALLA COSTANTINOPOLITANA

CARCIOFI ALLA COSTANTINOPOLITANA. Ancora cucina greca!

Io adoro i carciofi e li preparo praticamente sempre, anche ricorrendo a quelli surgelati.

Quando però è il periodo giusto, mi piacciono tantissimo ripieni. Mamma li prepara con mollica di pane e macinato o salsiccia sbriciolata.

Io ho scoperto questa versione orientale e la preparo spesso.

CARCIOFI ALLA COSTANTINOPOLITANA. I  riferimenti letterari

La signora Adriana li prepara in Il Prezzo dei soldi. Invece la suocera Sevastì (la mamma di Fanis) li prepara per la laurea di Caterina in La lunga estate calda del commissario Charitos

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 Persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

per i carciofi

  • 8 Carciofi
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 limone
  • q.b. Prezzemolo (oppure menta)
  • q.b. Basilico (facoltativo)
  • 200 g Feta
  • 2 cucchiai Pangrattato
  • 100 g Porri (oppure cipolla)
  • q.b. Paprika piccante
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d'oliva

Per contorno

  • 600 g Patate
  • 1 cipolla
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. FASE 1: PREPARARE I CARCIOFI

    • Pulite i carciofi privandoli dei gambi e delle foglie esterne (le più dure), tagliandoli circa a metà altezza.
    • Man mano che li pulite, metteteli in una ciotola con acqua acidulata con succo di limone
  2. FASE 2: preparare il ripieno

    • Tagliate il porro a rondelle e fatele ammorbidire in acqua salata
    • Io ho aggiunto anche della paprika per dare sapore

     

    • Sbriciolate la feta e aggiungete il prezzemolo tritato.
    • Unite anche i porri ammorbiditi (ovviamente scolati) e il pangrattato
    • Frullate il ripieno con un frullatore a immersione
  3. FASE 3: riempire i carciofi

    • Allarga delicatamente i carciofi ed elimina il fieno interno.

     

    • Con un cucchiaio, farcite ogni carciofo con il composto
    • Man mano che procedete con il lavoro, disponete i carciofi su un piatto
  4. FASE 4: cuocere il piatto

    • Tagliate la cipolla a spicchi sottili
    • Lavate le patate e sbucciatele. Tagliatele quindi a spicchi abbastanza grossi
    • In una pentola abbastanza capiente da contenere tutti i carciofi, fate scaldare un cucchiaino di olio allungato con un cucchiaio di acqua.
    • Rosolatevi le cipolle e, appena si sono ammorbidite, aggiungete i carciofi e gli spicchi di patate
    • Aggiungete acqua fino ad arrivare a metà altezza dei carciofi, salate  a vostro gusto e coprite con un coperchio.
    • Fate cuocere a fuoco medio per 35 – 40 minuti, finché i carciofi diventano teneri.
    • Con la pentola a pressione io ho impiegato 20 minuti.
    • Servite accompagnando con le patate e le cipolle del fondo

Note

CARCIOFI ALLA COSTANTINOPOLITANA. I carciofi nella cucina greca

Il carciofo, nome in greco arcaico ‘kinara’, fa la sua prima comparsa letteraria nella mitologia degli antichi Greci, dove la bellissima ninfa Cynara, carattere spinoso ma cuore tenero, fu trasformata da Zeus in una verdura con le stesse caratteristiche.

La pianta è infatti originaria del bacino del Mediterraneo orientale, che comprende le isole Egee, Cipro, tutta l’Africa settentrionale e l’Etiopia, dove tuttora se ne trovano diverse qualità spontanee (vedi QUI)

I carciofi reclamano un posto di primo piano nella cucina greca, dove le verdure sono una presenza costante, insieme alle erbe aromatiche.

In Grecia i piatti a base di verdura sono il vero cuore della cucina tradizionale, grazie anche all’uso accorto di aromi e spezie per renderli ancora più saporiti.

CARCIOFI ALLA COSTANTINOPOLITANA. Il piatto

Il piatto prende spunto dai classici “Aginares avgolemono”, carciofi in umido al profumo di limone, arricchiti con feta. Si ottiene così un piatto unico tutto da provare, che potete preparare anche il giorno prima.

Ideale anche per un antipasto natalizio originale!

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacuocaignorante

Lacuocaignorante è una grande curiosona ed ama cucinare, leggere, viaggiare. In una vita precedente (ovvero prima del matrimonio) ero un ingegnere meccanico. Oggi mi occupo del mio Maritozzo e dei nostri tre gatti, insegno materie scientifiche, realizzo siti internet e continuo ad istruirmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *